Il Museo del Circo

Il nostro Museo del Circo risulta essere ad oggi l’unico centro in Italia dedicato interamente all’arte circense ed è a disposizione di quanti, per semplice curiosità o per interesse professionale, abbiano la necessità o la volontà di intraprendere un percorso di studio sul circo.

Il museo è diviso in quattro aree:

Un'area dedicata ad "Antonio Franconi", dove il visitatore sarà accolto e immerso nella magica atmosfera del mondo del circo; un'area dedicata ad "Alberto Sforzi", suddivisa in base alle principali discipline circensi; un'area dedicata ai "Fratelli Rossi", principalmente incentrata sul mondo dei clown e sui giochi per bambini; un'area dedicata a "Federico Fellini", con una vasta biblioteca, divani, poltrone, videoproiettore e computer per una comoda consultazione dei materiali.

Area "Antonio Franconi"

In quest'area, dedicata al padre del circo moderno "Antonio Franconi", grazie all'aiuto di pannelli esplicativi e di una completa ricostruzione in scala di un circo, il visitatore potrà ripercorrere la storia di questo spettacolo, conoscerne l'evoluzione nel mondo e approfondire le abitudini, i costumi e i modi di vivere delle persone che vi lavorano.

Un angolo è dedicato al Festival del Circo di Montecarlo, evento particolarmente importante per gli artisti del panorama circense mondiale, paragonabile a quello che sono gli Oscar per il mondo del cinema.

Quest'area ospita anche una ricca videoteca che raccoglie più di cento films e video sul circo, disponibili su richiesta per la consultazione da parte dei visitatori.

Area "Alberto Sforzi"

L'area "Alberto Sforzi" è dedicata alle principali figure di artisti che lavorano nel circo.

Ogni angolo è riservato ad una disciplina particolare, di ciascuna vengono spiegate le varie caratteristiche, attraverso pannelli, "strumenti del mestiere" e locandine.

Vi si trovano inoltre alcuni autografi originali e costumi di scena appartenuti ad importanti artisti circensi. Uno di questi, tra i più antichi, è appartenuto ad un trapezista comico del "Trio Barroy" del 1923.

Area "Fratelli Rossi"

L'area "Fratelli Rossi" prende nome dal celebre trio di clowns italiani, del quale sono esposte molte foto, autografi ed attrezzi di scena.

Trovano posto qui anche vecchi scarponi di famosi clown e alcuni autografi originali dei più celebri artisti della risata di tutti i tempi: Fratellini, Grock, Oleg Popov e Charlie Rivel.

Alcune vetrine ospitano tutti quei giochi che, nel tempo, si sono ispirati al circo: dai più antichi, in latta, fino a quelli dei giorni nostri.

Area "Federico Fellini"

Quest'area, intitolata a "Federico Fellini", offre al visitatore una vasta biblioteca con ampi spazi per una comoda consultazione del materiale.

Sono qui raccolti più di 100 volumi sull'argomento, che vanno dalla fine del XIX° secolo fino ai giorni nostri, alcuni molto rari tra cui una decina autografati.

Tutti i testi sono disponibili per la visione e la consultazione.

Nell'area si trovano esposti, inoltre, alcuni film in rari formati visivi (Super 8,8 mm e Video Discs).

Newsletter


Cliccando su "Iscriviti" accetti le "Condizioni di utilizzo" e la "Politica sulla privacy"

Dove scappare per sentirsi vero, dove fuggire per non essere diverso?
E sognò il circo, realtà capovolta, mondo di uguali perchè tutti strani.

da "Cencio" di F. Guccini